Fabbricato dei primi novecento Udine Via Goito

Dettagli Progetto

  • Tipologia: Ristrutturazione e Ampliamento
  • Luogo: Udine
  • Anno: 2013
  • Progetto: Architetto Plazzotta Chiara – Palladioprogetti – Udine

Il progetto interessa la ristrutturazione d’un fabbricato dei primi novecento, a uso residenziale, parte di una casa bi-familiare, costituito da un  piano terra e primo piano, un sottotetto non abitabile e una relativa area scoperta di pertinenza destinata parte a prato e un piccolo ampliamento della zona posteriore dell’edificio con la costruzione di un nuovo bagno al primo piano.
La ristrutturazione ha determinato un adeguamento strutturale, funzionale ed energetico dell’edificio, considerandolo  come una casa passiva caratterizzata da minime perdite energetiche e da apporti solari forniti dai pannelli solari e dall’impianto fotovoltaico, ubicati su una  falda del tetto completamente integrati con il manto di coppi.

Dal punto di vista strutturale è stata realizzata la contro-fondazione di tutti i muri portanti perimetrali in pietra, la creazione a piano terra di un vespaio areato,  la sostituzione del solaio tra piano terreno e primo piano, creando un cordolo in ferro perimetrale, il rifacimento della copertura lignea non più occulta dal controsoffitto come in origine, ma lasciata a vista e enfatizzata dall’illuminazione occulta. L’isolamento termico – acustico di tutte le pareti perimetrali dall’interno dell’involucro edilizio permettendo di conservare in tutta la sua integrità la facciata esterna su via Goito. Nel perimetro interno delle pareti di facciata è stato realizzato un cappotto con ridossamento di una parete in  carton-gesso. Il nuovo solaio tra PT e 1° piano è stato realizzato con struttura mista, ferro e legno, le putrelle metalliche sono state lasciate  a vista così come la capriata della copertura. La scala che unisce i due piani è pure metallica, realizzata con scalini a sbalzo saldati su una putrella occulta, i quali sembrano sostenere una grande lastra in vetro trasparente stratificato utilizzata come parapetto, la lastra in realtà fissata su una putrella del solaio al primo piano. Al piano terra secondo il programma funzionale richiesto dal committente, è stato realizzato un grande spazio aperto tipo loft urbano, con living e cucina, la continuità dello spazio è rafforzata dai materiali utilizzati come il pavimento in resina grigia e le finiture pareti e mobili laccati realizzati su misura con il medesimo Ral grigio pietra. Al primo piano sono state realizzate due camere matrimoniali con due bagni, tutti gli armadi sono stati disegnati e integrati nel congiunto edilizio, così come l’illuminazione e tutti i rivestimenti.
L’interveto ha determinato anche il rifacimento del giardino e della recinzione su via Goito, con il nuovo portone per l’accesso carraio costituito da due ante scorrevoli e il portone pedonale battente con la sua pensilina, le poche superfici esterne lastricate hanno una finitura in resina così come il piano terra della casa.